Mosaico del Catino Absidale di S. Pudenziana.pdf

Mosaico del Catino Absidale di S. Pudenziana

Matteo Braconi

Le vicende storiche che legano la realizzazione della basilica di S. Pudenziana al pontificato di papa Siricio (384-399) per opera dei presbiteri Ilicio, Massimo e Leopardo sono ben note grazie ad una serie di testimonianze archeologhe ed epigrafiche che, per molti versi, consentono di ricostruire un quadro nitido e dettagliato dei modi e dei tempi con cui, allo scadere del IV secolo, si impiantò, alle pendici dellEsquilino e a ridosso del vicus Urbanus, la chiesa di Pudente. Più problematico risulta invece il quadro cronologico relativo al mosaico del catino absidale, poiché se, da una parte, varie testimonianze epigrafiche suggeriscono di ricondurre la sua realizzazione nellambito del primo progetto edilizio promosso dai tre presbiteri durante letà siricana, dallaltra, invece, alcune iscrizioni, ora perdute, spingono la datazione della decorazione absidale oltre letà di Siricio, superando le soglie del IV secolo, sino ad arrivare al pontificato di papa Innocenzo I (401-417).

Mosaico del Catino Absidale di S. Pudenziana, Libro di Matteo Braconi. Sconto 5% e Spedizione con corriere a solo 1 euro. Acquistalo su libreriauniversitaria.it! Pubblicato da Tau, data pubblicazione febbraio 2017, 9788862445627.

2.46 MB Dimensione del file
8862445628 ISBN
Gratis PREZZO
Mosaico del Catino Absidale di S. Pudenziana.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.rochefinance.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Nel mosaico absidale della Cappella di Sant' Aquilino (che forse in origine era un mausoleo imperiale) sono rappresentati gli Apostoli, seduti a semicerchio attorno alla figura centrale del Cristo, ai cui piedi è deposto un contenitore con i rotoli delle Sacre Scritture. Il Mosaico Del Catino Absidale Di S. Pudenziana è un libro di Braconi Matteo edito da Tau a dicembre 2016 - EAN 9788862445627: puoi acquistarlo sul sito HOEPLI.it, la grande libreria online.

avatar
Mattio Mazio

Entrare nella Chiesa di Santa Prassede a Roma vuol dire trovarsi al cospetto del più integro e scenografico dei mosaici romani dell’Alto Medioevo. Certamente una visita irrinunciabile se volete approfondire la vostra conoscenza dei mosaici medievali cristiani. Infatti, a differenza di altre situazioni, qui sono pressoché intatti sia i mosaici dell’arco trionfale che quelli dell’arco

avatar
Noels Schulzzi

Salendo all’Oratorio Mariano di cui al commento precedente, ci si affaccia alla cantoria che è sulla sinistra del catino absidale, dalla quale si può vedere al paro de la bocca il mosaico dell’abside, della fine del secolo IV, così descritto dalla guida rossa: “Cristo in trono, con un libro aperto in mano, circondato dagli apostoli e dalle Sante Pudenziana e Prassede offerenti corone”.

avatar
Jason Statham

Mosaico del catino absidale della basilica di Santa Pudenziana DATI PRELIMINARI Autore: anonimo del 300 Realizzazione: 390 circa, inseribile nel contesto dell’arte paleocristiana Tecnica e Materiali: mosaico, costituito seguendo il seguente procedimento: su una superficie piatta venne versata della pasta di …

avatar
Jessica Kolhmann

L’interno della chiesa venne trasformato nel 1588 in un’unica navata da Francesco da Volterra per volontà del cardinale Enrico Caetani; un antico e pregevole mosaico degli inizi del V secolo, raffigurante Cristo in trono tra gli apostoli e le Sante Pudenziana e Prassede, riveste il catino absidale; durante i restauri rinascimentali un’antica cappella, ritenuta il primo luogo di culto