Minori in giudizio. La convenzione di Strasburgo.pdf

Minori in giudizio. La convenzione di Strasburgo

G. Contri (a cura di)

La Convenzione Europea sullesercizio dei diritti dei minori, adottata dal Consiglio dEuropa a Strasburgo il 25 gennaio 1996, vuole promuovere, nellinteresse superiore dei minori, i loro diritti, concedere loro diritti azionabili e facilitarne lesercizio facendo in modo che essi possano, essi stessi o tramite altre persone od organi, essere autorizzati a partecipare ai procedimenti in materia di famiglia che li riguardano dinanzi a unautorità giudiziaria. Essa costituisce un progresso della cultura e del diritto: il minore in possesso di discernimento infatti è riconosciuto nella vicenda giudiziaria come interlocutore al pari di tutti gli altri. Alle diverse professionalità del giudice, dellavvocato, dello psicologo, dellassistente sociale, degli operatori a vario titolo dellambito giudiziario, questo testo pone un interrogativo: come predisporsi ad applicare questa convenzione? Pensando di trovarsi di fronte al minore come soggetto debole, oppure, caso per caso, riconoscendogli una capacità di autonomia nellorientarsi e nel determinarsi nelle proprie scelte? Ponendosi come tutori del minore, che in giudizio parleranno in suo nome e al suo posto, o come promotori di una sua capacità in atto? Il dibattito intorno allautonomia del minore non interessa solo una ristretta cerchia di professionisti, ma un più vasto pubblico.

Convenzione europea sull’adozione dei minori Strasburgo, 24 aprile 1967 Traduzione ufficiale della Cancelleria federale della Svizzera Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d’Europa, firmatari della presente Convenzione, Considerando ch’è scopo del Consiglio …

6.15 MB Dimensione del file
8856845806 ISBN
Gratis PREZZO
Minori in giudizio. La convenzione di Strasburgo.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.rochefinance.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Marketplace

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Il diritto all'ascolto, mezzo di tutela del minore nel panorama legislativo ... Convenzione di Strasburgo abbia un carattere universale e che dovendosi attribuire ... disagio al momento della disposta comparizione in giudizio. In alcune ipotesi la ... 24 nov 2017 ... Per Strasburgo, l'articolo 8 della Convenzione europea non solo impone sullo Stato un obbligo negativo di non ingerenza, ma anche obblighi ...

avatar
Mattio Mazio

30 mag 2019 ... Il “non ascolto” del minore nel procedimento di separazione, divorzio e ... che il minore sia stato sentito personalmente, se le sue facoltà di giudizio lo ... Anche la successiva Convenzione di Strasburgo del 15 maggio 2003 ...

avatar
Noels Schulzzi

della Convenzione europea di Strasburgo sull'esercizio dei diritti dei minori del 1996, ratificata ... 2 Fasi del giudizio in cui può essere richiesto l'ascolto fair. Tal. Considerato che, nonostante l'istituto dell'adozione dei minori esista nella legislazione ... nel momento in cui, a giudizio dell'autorità competente, la madre si sarà ... 1 della convenzione europea in materia di adozione dei minori ( Strasburgo, ...

avatar
Jason Statham

24 apr 2019 ... Trattamento dei minori a Calais: il caso Khan contro Francia ... pertanto, condannato la Francia per violazione dell'articolo 3 della Convenzione[2]. Secondo i giudici di Strasburgo, lo Stato è venuto meno ai suoi obblighi ...

avatar
Jessica Kolhmann

A livello internazionale, già la Convenzione di Strasburgo sull’esercizio dei diritti dei minori del 1996, attuando la Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti dell’Infanzia ha esortato espressamente gli Stati a valutare l’opportunità di attribuire ai minori il diritto di chiedere, anche essi stessi, la designazione di un rappresentante speciale “se del caso un avvocato”.