La maiolica al tempo degli Sforza di Pesaro.pdf

La maiolica al tempo degli Sforza di Pesaro

Luciano Baffioni Venturi, Valeria Alberini

A metà Quattrocento, esattamente nel 1445, Alessandro Sforza, fratello del potente duca di Milano Francesco, si insediò in Pesaro al posto dei Malatesta. Iniziò un periodo di 70 anni nel quale gli Sforza (Alessandro, il figlio Costanzo e il nipote Giovanni) arricchirono Pesaro di moderne strutture militari, di palazzi e di opere darte. In particolare essi favorirono la nascita di efficienti botteghe artigiane di maiolicari la cui produzione pregiata raggiunse buona parte dellEuropa, dalle Fiandre alla Budapest di Mattia Corvino. La tradizione ceramica pesarese continuò poi a Urbino e Casteldurante ma, di certo, Pesaro precedette e superò Faenza, Deruta e Montelupo. Di tutto ciò restavano pochi segni finché questa ricerca, e altre di poco precedenti, non ha ritrovato in vari musei e collezioni private numerosi e inequivocabili testimonianze dellarte maiolicara pesarese dellepoca sforzesca.

I take interest to Italian history, above all Sforza and Malatesta families and other ... Titolo: La maiolica al tempo degli Sforza di Pesaro; Autore: Luciano Baffioni ... L'arte ceramica a Pesaro ha origine nel Trecento ed è documentata fino al XX ... protezione di signorie come i Malatesta, gli Sforza, i Della Rovere, e poi del ...

3.71 MB Dimensione del file
8831606409 ISBN
La maiolica al tempo degli Sforza di Pesaro.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.rochefinance.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

I take interest to Italian history, above all Sforza and Malatesta families and other ... Titolo: La maiolica al tempo degli Sforza di Pesaro; Autore: Luciano Baffioni ...

avatar
Mattio Mazio

Con l'avanzare del secolo XV, a Pesaro troviamo ornati in blu a rilievo e motivi di ... I colori si estendono ormai a tutti quelli della gamma “a gran fuoco”, che resistono ... in trasferta, un pavimento un tempo nell'abbazia di San Paolo a Parma. ... Dopo l'occupazione del Valentino e la morte di Giovanni Sforza la città è preda di ... La maiolica al tempo degli Sforza di Pesaro. libro Baffioni Venturi Luciano Alberini Valeria edizioni Youcanprint collana ARTE / Storia / Generale , 2019. € 22,00.

avatar
Noels Schulzzi

Arrivata a Pesaro via mare su una delle imbarcazioni che collegavano Venezia ai porti dell’Adriatico, la pala viene dipinta da Bellini intorno al 1475 ed è un esempio significativo delle vivaci relazioni culturali tra Pesaro e la Repubblica di Venezia al tempo della signoria degli Sforza.

avatar
Jason Statham

A metà Quattrocento, esattamente nel 1445, Alessandro Sforza, fratello del potente duca di Milano Francesco, si insediò in Pesaro al posto dei Malatesta. Iniziò un periodo di 70 anni nel quale gli Sforza (Alessandro, il figlio Costanzo e il nipote Giovanni) arricchirono Pesaro di moderne strutture militari, di palazzi e di opere d'arte. La maiolica al tempo degli Sforza di Pesaro è un libro scritto da Luciano Baffioni Venturi, Valeria Alberini pubblicato da Youcanprint

avatar
Jessica Kolhmann

La Galleria Nazionale delle Marche - Palazzo Ducale di Urbino ha riaperto, fino al 27 settembre, la mostra «Raphael Ware. I colori del Rinascimento», curata da Timothy Wilson e Claudio Paolinelli con la direzione di Peter Aufreiter. Pubblichiamo un estratto del saggio «La maiolica italiana: i colori e il mondo privato del Rinascimento» di Timothy Wilson introduttivo al catalogo della Le vicissitudini di Villa Imperiale 24 gennaio 1469 Alessandro Sforza, già da 25 anni signore di Pesaro, ottenne che Federico III di passaggio a Pesaro, deponesse la prima pietra di un castello “in località Casartole “ monte San Bartolo, posizione ove lo sguardo poteva spaziare nella vallata del Foglia “ da qui attributo di IMPERIALE” .